sabato 28 maggio 2011

dal mio diario olfattivo: “l’incontro ravvicinato” con il Gelsomino di Grasse

(english translation at the end of the italian post)

..sono a piedi in una strada di campagna polverosa....il cielo è terso e azzurro, siamo in piena luce... all’improvviso davanti a me si accende un verde intenso picchiettato di bianco e un lieve odore dolce e persistente mi arriva alle narici....vado incontro a questo oceano verde attirato sempre più dall’odore che diventa sempre più forte...
Questo è il mio ricordo dell'incontro con sua maestà il Gelsomino di Grasse, Jasminum Grandiflorum.
Jasminum Grandiflorum
Nell’agosto del 2008 ero alla scuola estiva del Grasse Institute of Perfumery (GIP). Nella prima settimana dedicata allo studio delle materie prime naturali, tra le attività previste c’era la visita all’azienda che produce l’assoluta di Gelsomino e Rosa Centifolia in esclusiva per la casa Chanel: la SOTRAFLOR della famiglia Mul a Pegomas, un paese vicino Grasse.
Questa azienda agricolo-estrattiva è proprietaria di circa 12 ettari di terreno di cui 7 coltivati a Gelsomino Grandiflorum e 5 a Rosa Centifolia. Da qualche anno è stata attivata anche una piccolissima coltivazione sperimentale di iris germanica.

La visita prevedeva sia un giro nei campi durante la raccolta, sia all’impianto di estrazione.

Si arriva nei campi che la raccolta va avanti già da un pò: si inizia all’alba, all’incirca alle 6 del mattino e si va avanti per circa 6-7 ore; finisce quando il sole è al picco e la calura non proprio sopportabile. Tutto il lavoro di raccolta viene effettuato da manodopera locale prevalentemente di origine nord africana, spesso famiglie intere.
Ogni raccoglitore ha a disposizione una piccola cesta che una volta piena viene svuotata in una cesta più grande che appena piena è avviata all’estrazione. Dalla raccolta del fiore al processo di estrazione non devono passare più di un paio di ore, pena il deterioramento del fiore con il suo odore. Ogni cesta contiene circa 2-3 chili di fiori.
fasi della raccolta-picking
Il periodo di raccolta per questa varietà di gelsomino inizia a luglio e va avanti fino alla fine di settembre, anche ottobre se il meteo è clemente..il gelsomino in questi 4 mesi dona in continuazione i suoi fiori bianchi profumatissimi. File interminabili di piante verdissime punteggiate da fiori bianchi dai petali enormi.
le lunghe file di Gelsomino-the long Jasmine rows
Mr. Mul
 Il signor Mul è li che guarda e sorveglia il lavoro delle persone.Ci accoglie affabile e pronto a rispondere alle nostre domande. La sua famiglia è da 5 generazioni nella raccolta ed estrazione delle piante a profumo. Come già detto, la sua azienda è la fornitrice ufficiale dell’assoluta di rosa e gelsomino per Maison Chanel con un contratto centennale di fornitura. La Maison Chanel si garantisce così fornitura costante di una materia prima che diventa sempre più rara rispetto alla qualità olfattiva: questo gelsomino ha un contenuto di indolo inferiore rispetto a quello che proviene da altri paesi produttori (India, Egitto, Marocco). Questo fatto si traduce in un profilo odoroso più soave, meno animale, avvolgente, deciso ma setoso, suadente..
L’emozione olfatto-visivo-tattile di noi appassionati è senza limiti: ci si aggira per i filari di gelsomino, si scattano foto, si fanno domande, ci si scambia opinioni, si odorano i fiori dalle piante, dalle ceste, si prendono delicatamente i fiori tra le mani per annusarli ancora meglio...le persone che stanno lavorando alla raccolta ci guardano, sorridono...

Lasciamo i campi per dirigerci alla vicina officina di estrazione dove sono in corso le operazioni di carico degli ultimi arrivi di ceste di gelsomino. Man mano che arrivano le ceste vengono pesate e svuotate subito del loro contenuto nei grandi estrattori del volume di circa 3 metri cubici.
Arrivati a caricare fiori per una quantità pari a 1000 chili, si procede alla chiusura del coperchio e si inizia a far ricircolare il solvente (normal-esano) su tutta la massa dei fiori alla temperatura di 35 °C.  il tempo di estrazione è di circa 4-6 ore, dopo il quale l’esano carico di tutte le molecole odorose viene separato dai fiori esausti e mandato in un altro estrattore per essere usato in una successiva estrazione con fiori freschi.
fasi della estrazione con solvente-solvent extraction
 I fiori esausti sono imbevuti di solvente e non possono essere cosi smaltiti: vengono quindi sottoposti ad un trattamento a vapore d’acqua per liberarli dal solvente residuo. L’esano recuperato viene separato facilmente per distillazione dall’acqua e riutilizzato nel processo estrattivo così come l’acqua che viene mandata di nuovo a far vapore.
il solvente carico di essenza viene riutilizzato per successive 4 operazioni di estrazione. Dopodichè viene trasferito in un distillatore dove l’esano viene evaporato a pressione ridotta. Alla fine di questa operazione si ottiene il primo prodotto dell’estrazione, la concreta, la miscela di essenza assoluta e cera vegetale.

un apparato di distillazione-a distillation apparatus
Questo prodotto intermedio vien trattato con etanolo per liberare il prodotto finale, l’Assoluta.Questo passo viene effettuato solo quando necessario, su richiesta del cliente; la concreta si conserva meglio e preserva nel tempo l’essenza assoluta del fiore.
quando necessita, la concreta viene quindi messa in contatto con etanolo che discioglie l’Assoluta e lascia inalterate le cere: questa miscela viene poi raffreddata alla temperatura di -20°C e filtrata. la soluzione alcolica di assoluta passa attraverso una distillazione finale, sempre a pressione ridotta, dove l’etanolo viene evaporato via per lasciare il succo più prestigioso, la “Summa Odorosa” concentrata del fiore.
concentrazione della concreta-the concrete
Assoluta di Gelsomino-Jasmine Absolute
 In questo ambiente mi sentivo a mio agio, tanto mi erano familiari le apparecchiature che sono usate per estrarre e distillare...l’anima e l’occhio del chimico prendevano il sopravvento sull’appassionato di fragranze, in un gioco di alternanza di personalità: il Dr Jekill & Mr Hide della Profumeria...l’unione dei due aspetti, tecnico e olfattivo, osservare l’ottenimento della materia prima e avere la sua conoscenza olfattiva ha raddoppiato il piacere dell’incontro e della scoperta.

English Translation
From my olfactory log: the “close encounter” with the Jasmine of Grasse
..I am walking on a dusty country road...the sky is clear and blue, full light.... suddenly an intense green color white spotted turns on and a light, sweet and persistent odor arrive at my nostrils..i approach this green ocean attracted more and more by the odor that become stronger...
This is my memory about my close encounter with His Majesty the Jasmine of Grasse, Jasminum Grandiflorum.

Was in august 2008 while i was attending the Grasse Institute of Perfumery (GIP) Summer School. In the first week, devoted to the natural raw material’s study, between other activities, was planned the visit to the company that produce the Jasmine Grandiflorum and Rosa Centifolia Absolute exclusively for Chez Chanel: the SOTRAFLOR company of Mul's Family in Pegomas, a town near Grasse. This extractive-agricultural company own almost 12 hectares of fields where 7 devoted to Jasmine Grandiflorum and 5 to Rose Centifolia. Few years ago was started a little experimental growing of Iris germanica to yield Irone natural extract.

The tour comprised the visit to the jasmine fields and to the extraction factory.

We arrived at the fields that the picking work was already started: it starts at sunrise at 6 am and last for almost 6-7 hours; it finishes when the sun is at the peak and the warm is not so stand. All the harvest work is done manually by locals, mainly of north african origin, often by all families.
every picker has his own little basket that, once full, is discharged in bigger one that is transferred to the extraction. From the flower picking to the extraction operation it has to pass not more that a couple of hours, otherwise happens the deterioration of the flower with his scent. Every big basket contain 3-5 kilos of flowers.

The harvest period for this Jasmine variety start in july and goes until the end of september, october too if the weather is mild...jasmine in all this months donate constantly his powerful scented white flowers....Endless rows of green bushes spotted by white flowers with huge petals.

Mr Mul is there that looks and supervise the people's work. He welcome us friendly and ready to answer to our questions. His family is in the harvesting and extracting business of scented flowers from about 5 generations. As already mentioned, his company is the official supplier of Maison Chanel for Jasmine and Rose Absolute owing a one hundred years contract. Chanel is guaranteed so on a constant supply of this raw material that is becoming more and more rare in terms of olfactive quality: this jasmine has a lower indole content than the one that come from other supplier countries of the world (India, Egypt, Morocco). This is translated in an odor profile that is more sweet, less animalic, wrapping, firm but silken, gorgeous..

The olfactory-visual-touchy emotion of us fragrant passionates is without limits: we go through the jasmine bush rows, take pictures, ask questions, talk about and smell the scent directly from the shrub, from the baskets, touching gently with our hands the flowers to sniff them better...all the picking people that are around look at us, smiling...

We leave the fields to reach the near extraction factory where the charging operation of the last jasmine basket arrivals. as soon as the baskets arrive, they are weighted and then emptied readily into the big extractors that have a volume of about 3 cubic meters.
when the weight of flowers charged arrive at 1000 kilos, the extractor cover is closed and the solvent (normal-hexane) is recirculated through all the flower mass at 35°C (95°F). The extraction time is about 4-6 hours, after that the hexane full of all scented molecules, it is separated from the exhausted flowers and transferred to another extractor for another extraction operation on fresh flowers. The exhausted flowers are still soaked of solvent and cannot be discharged directly: so they undergo a water steam  treatment to free them from the residue solvent. The hexane is easily separated from the water by distillation and used again, so the water.
The “fragrant” solvent is used for 4 subsequent extractions of fresh flowers. After that, is transferred in a distillation unit where the hexane is distilled away at reduced pressure. at the end of this operation the first product of extraction is obtained, the concrete, the mix of fragrant molecules and vegetable waxes.
This intermediate product is treated with ethanol to free the final product, the Absolute. This is done only when necessary, usually at client request; the concrete is well kept and better preserve the absolute essence. So, when it is time, the concrete is mixed with ethanol that solubilize the Absolute and leave untouched the vegetable waxes: this mix is cooled at -20°C and filtered. The Absolute’s alcoholic solution undergo a final distillation at reduced pressure, where the ethanol is evaporated to leave the most prestigious juice, the concentrated “Summa Odorosa” of the flower.

In this context i felt fine, as all the technical apparatuses used to extract and distillate were all familiar to me...the soul and the eye of the chemist took over the fragrance passionate, in a game of switching personality: the Perfumery’s Dr Jekyll and Mr Hide... the union of the 2 aspects, the technical and the olfactive aspect, looking at the production of a raw material and having its olfactive knowledge doubled the meeting and the discovery pleasure.

Nessun commento:

Posta un commento