lunedì 11 luglio 2011

LAVANDA

 (english translation at the end of italian post)
Anche quest’anno ho partecipato alla mietitura e distillazione della lavanda. Raccogliere e sistemare i fasci tagliati, caricarli sul furgone e trasportarla al sito distillazion e seguire la trasformazione della pianta in olio essenziale.
Le giornate sono state intense e calde favorendo la diffusione dell’odore della lavanda tagliata tutto intorno a noi.

Le api, disturbate nel loro lavoro al passaggio della mietitrice, si levavano in volo per cambiare continuamente fiori di lavanda da cui succhiare altro nettare. 
Giornate faticose ma ampiamente ricompensate dall’allegria di tutti i partecipanti a questo rito, a tratti alchemico, di trasformazione della materia, dalla pianta sul campo all’olio essenziale.

Un ringraziamento di cuore a Simona ed Ermes Godeassi e Sergio Mucchiut per avermi dato di nuovo la possibilità di essere presente a questo rito annuale dove la lavanda è la protagonista.

English translation
LAVENDER
Again this year i take part to lavender harvesting and distillation. Picking and setting the cutted lavender bunches, charging them on the truck and transporting to the distillation site and following the transformation of the plant to essential oil. 
The days was intense and hot aiding the diffusion of lavender smell all around us.
The bees, bothered in their job by the reaper, flies around trying to find other lavender flowers to suck other nectar. 
Hard days but fully rewarded by the happiness of all the participants at this rite, almost alchemical, of the transformation of the matter, from the plant on the field to the essential oil. 
I am grateful to Simona and Ermes Godeassi and to Sergio Mucchiut for giving me again the chance to be present at this annual rite where lavender is the STAR.

7 commenti:

  1. Che belle immagini e che bella esperienza deve essere..tutto il giorno tra la mia amata lavanda.. !! Quest'anno.. è andata così...e pazienza. Ma io mi prenoto per il prossimo :-)) Ciao Roberto

    Mary

    RispondiElimina
  2. Corso di Profumeria Naturale... un esperienza da fare... un opportunità di conoscenza di tecniche di armonizzazioni di essenze grazie alle quali è possibile ottenere mirabili soluzioni profumate... (quando riescono!), aiuta ad affinare la sensibilità olfattiva e a liberare l'estro creativo. Questa è stata la mia esperienza... grazie Roberto
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  3. @ Mary 70: La lavanda ti aspetterà di sicuro la prossima stagione...segnati da ora le prime 2 settimane di luglio del 2012..:-)

    @ Magrapa: sono sicuro che saprai fare tesoro di tutti gli argomenti affrontati e sopratutto a iniziare a sperimentare e liberare il tuo estro.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Anche io, nel mio piccolo, ho raccolto circa 1,5 kg di fiori di lavanda nella mia campagna... Ora devo capire cosa farne, visto che distillarli sarà impossibile... Credo inizierò con l'oleolito...

    RispondiElimina
  5. ciao Andrea, magari potresti dividere questo chilo e mezzo di lavanda in piu parti e fare la macerazione in olio vegetale (oleolito), macerazione in alcol (tintura), una preparazione di sapone etc....buon lavoro!!! :-)

    RispondiElimina
  6. Grazie!
    Sapresti darmi una dritta per le quantità per la macerazione in alcol?
    Sempre 20 gr per 80 ml di alcol? Ripetendo 3/ 4 volte? O basterebbe una volta?
    La tintura si può utilizzare per creare profumo oppure non sostituisce il preparato alcolico maturato a partire dall'olio essenziale?
    Scusa la prolissità: per quanto riguarda il sapone... come posso usare la lavanda? A partire dall'oleolito?
    Grazie!

    RispondiElimina
  7. per la tintura la ripetizione della macerazione dipende da quanto forte la vuoi...cmq direi che 3-4 volte da una materia prima che puo essere usata tranquillamente per fare profumi..
    per il sapone, fatta la pasta iniziale, gli aggiungi direttamente lo sgranato della lavanda e fai asciugare
    ciao :-)

    RispondiElimina