martedì 14 maggio 2013

Kyphi, una storia profumata dell'antico Egitto 5a parte: l'odore e conclusioni



Ci è voluto tempo, quasi un anno da quando l’idea di replicare il kyphi cominciò a balenare nella mia mete...comprare e studiare libri, articoli scientifici,botanica, ricerche sul web, per cercare di capire, e imparare quanto più cose possibili sul soggetto...cercando gli ingredienti giusti , testandoli e cercando di riprodurne alcuni dalle informazioni trovate nella letteratura antica.
Adesso è qua, forse non esattamente come doveva essere, ma è qua, nella mie mani,  nell’aria  bruciando nell’incensiere..
Questa esperienza mi ha insegnato tante cose sulle materie prime, le tecniche per preparare incensi e sui composti odorosi.
Nel mentre lo “costruivo", si realizzava una specie di viaggio nel tempo: dando forma alla massa, nel mortaio, sul fuoco, nelle mie mani, tra le mie dita...davvero un altro modo di addentrarsi dentro la materia profumata.
PREPARAZIONE DI UNGUENTI
Tanti mi hanno chiesto come era l’odore: mentre la mirra è sempre in sottofondo, l’odore è balsamico, dolce, caramelloso che nella fine si tramuta in leggermente terroso. E' un odore molto diffusivo, velocemente la stanza diventa pregna del profumo.
E' una esperienza olfattiva molto interessante, differente dal bruciare di altri incensi.

Questa non è la fine di questa avventura nel mondo antico del profumo, ancora molto deve arrivare nella rivisitazione e riscoperta di antiche miscele profumate.

 Adesso è venuto il tempo di tornare a dedicarmi alla costruzione del mio marchio di profumeria artigianale che piano piano sta prendendo forma.

Vi lascio con un regalo: ai prossimi 20 commenti sul kyphi spedirò un campione dell’incenso sacro, per diffondere ancora il potente profumo di Horus.
Dopo il commento scrivetemi una mail a esperienzeolfattive@gmail.com indicando il vostro indirizzo.
Grazie

12 commenti:

  1. Bravo Roberto,
    sono certo che riuscirai certamente nel tuo progetto e le tue ultime creazioni ne sono un esempio concreto.

    Un caro abbraccio
    markkino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un infinito grazie a Te Marco :-)

      Elimina
  2. Molto interessante Roberto, sarò felice di seguire l'evolvere del tuo progetto.
    In bocca al lupo.

    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Stefano, mi fa molto piacere che tu mi segui..
      crepi il lupo ;-)

      Elimina
  3. Ciao Roberto, sai che ti seguo ormai da un po' (impegni lavorativi permettendo) nella tua attività.
    E sono sicuro che andrai avanti, e tanto... :-)

    Un abbraccio,
    Lorenzo

    RispondiElimina
  4. ciao Lorenzo, ti abbraccio forte e ti ringrazio dei tuoi incoraggiamenti :-)
    Roberto

    RispondiElimina
  5. Beh, alla fine ce l'hai fatta. Se sarai allo smell spero mi racconterai.

    RispondiElimina
  6. ciao Marzi, beh stiamo per varare la nave...incrocio le dita e preparo le vele profumate ;-)..
    sarò solo sabato a bologna, spero di vederti
    ciao
    Roberto

    RispondiElimina
  7. meravigliose parole scrivi e chiudendo gli occhi si riescono a percepire gli odori inconfondibili sacri...
    Complimenti e non vedo l'ora di bruciare in casa mia questo fantastico incenso e purificare l'aria con esso

    Sara

    RispondiElimina
  8. Grazie Saracleo,
    il Kyphi ti sta raggiungendo....

    RispondiElimina
  9. Ciao, ho letto con tantissimo entusiasmo la tua avventura "egiziana" spero che possa essere in tempo per provare queste sensazioni, fammi sapere davvero complimenti per tutto. flavio.busti@yahoo.it

    RispondiElimina
  10. wow ho scoperto per caso il tuo blog, facendo una ricerca sull'aromaterapia, e che straordinaria storia questa del kiphy... è passato un po di tempo , ma chissà magari ti è rimasto ancora del kiphy per me? mi hai proprio incuriosita. grazie!! chiara.dragonfly@gmail.com

    RispondiElimina